Novak Djokovic, sono contrario alla vaccinazione.

Novak D

Vaccinarsi o non vaccinarsi? A Novak Djokovic il dubbio verrà. Il campione serbo lo ha confessato in una diretta Facebook con diversi altri atleti serbi, in cui il discorso sulla eventuale ripartenza delle attività è andato a finire sull’importanza di trovare un vaccino anti-coronavirus, più necessario nel tennis che in altri sport visto il continuo spostamento in giro per il mondo degli atleti.

«Sono contrario»

«Personalmente sono contrario alla vaccinazione e non vorrei essere costretto da qualcuno a prendere un vaccino per poter viaggiare – ha detto Nole -. Ma se diventa obbligatorio, cosa accadrà? Dovrò prendere una decisione. Ho il mio pensiero sulla questione e se quei pensieri cambieranno a un certo punto, non posso saperlo».

Il 2020 iniziato alla grande

Il 2020 di Djokovic era iniziato alla grande, con la vittoria a Melbourne in finale su Thiem (diciassettesimo Slam in carriera): per il serbo era stato l’ottavo titolo agli Australian Open, che lo aveva riportato al numero uno del mondo.

Poi, lo stop che al momento durerà fino a luglio (niente Wimbledon), con l’aggiunta del torneo olimpico ovviamente cancellato: si potrebbe riprendere sul cemento americano con gli Us Open che ancora non hanno preso una decisione sullo svolgimento del torneo e, subito dopo, con il Roland Garros spostato da maggio a settembre.

La ripresa della stagione

Ipoteticamente, se la stagione dovesse riprendere a luglio, agosto o settembre, anche se la cosa è improbabile, capisco che un vaccino diventerà un requisito una volta usciti dalla quarantena – ancora Djokovic -. Ma il vaccino ancora non c’è». Sono giorni strani per Nole e per tutti i tennisti del mondo, abituati a viaggiare senza sosta: sarebbe stato il momento della stagione sulla terra rossa, con Montecarlo appena concluso e i Masters 1000 di Madrid e Roma uno dietro l’altro a inizio maggio.

Nole, invece, trascorre il tempo anche su Instagram, tra una diretta con Murray e una con Wawrinka, ma nei giorni scorsi – in quanto presidente del consiglio dei giocatori – aveva anche annunciato le sue proposte di sostegno finanziario per i colleghi, condivise anche da Federer e Nadal. E poi le donazioni: alla Serbia e all’Ospedale di Bergamo.

Il cuore grande di Djokovic, ma anche il dubbio se andare contro i propri principi pur di riprendere a viaggiare, giocare e vincere.

Articolo redatto, fonte Dagospia

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close